In questo articolo, ci accingiamo a spiegare la differenza tra la gradazione e la correzione del colore: due passaggi fondamentali per produrre video professionali di alta qualità.

Correzione: La correzione del colore è la procedura utilizzata per il bilanciamento dei colori per tutto il video. E’ usato per dare armonia a tutte le nuance utilizzate, con la temperatura adeguata. Come risultato, il video appare esattamente come lo vedrebbe un occhio nudo. Se la correzione non avviene, c’è il rischio che i colori appaiano irreali, in tutto il video. La correzione apporta anche delle appropriate variazioni delle tonalità, in modo che il video sia uniforme e senza alterazioni derivanti dalla diversa illuminazione durante le riprese. Vale la pena di notare che esiste la correzione del colore primario e secondario. Il primo riguarda l’intero spettro dei colori, mentre il secondo si concentra su colori specifici.

Gradazione: La gradazione, invece, è piuttosto differente rispetto alla correzione del colore. In questo caso, non si modificano i colori per farli sembrare più realistici. Ovvero, vengono modificati al fine di creare qualcosa che sia visivamente accattivante. Potrebbe essere necessario mettere in evidenza qualcosa di specifico in un video. È possibile farlo modificando l’intensità di rosso, blu e verde. Questi sono i colori primari che cambiano l’intero risultato visivo, quando modificati correttamente. In base alle tue esigenze, è possibile aumentare il colore rosso e ottenere un’immagine meno brillante. Quando si intensifica il colore blu, invece, si può ottenere un risultato molto più intrigante.