Vimeo tenta di battere per qualità e definizione i rivali.

Nato 6 mesi prima di YouTube, Vimeo è una piattaforma di streaming video che si differenzia dal sito più popolare per la sua autorialità. Il nome ha due connotazioni diverse ma al tempo stesso parallele: da una parte l’anagramma di Movie, “film”, dall’altra la storpiatura del termine “video” con l’integrazione del pronome “me” in mezzo alla parola, tanto per sottolineare la personalizzazione dei video e focalizzare l’attenzione sull’autore.

Milioni di utenti e appassionati lo preferiscono a YouTube per una presunta migliore qualità massima di rendering dei filmati caricati, idea condivisa da alcuni professionisti del settore. Basti pensare che Vimeo è passato al 4K prima ancora del suo diretto competitor. Non sarà certo un gigante dello streaming come YouTube, ma Vimeo continua a crescere: si contano ormai 135 milioni di visitatori al mese. E non smette di crescere nemmeno il suo business.

Ma di recente Vimeo ha calato l’asso contro il gigante YouTube puntando sulla risoluzione. La piattaforma di streaming video ha cercato sempre di distinguersi puntando su contenuti di qualità e un’aria leggermente snob ma ora affonda la lancia tecnologica e presenta i contenuti in 8K. Sì, hai letto bene, parliamo di otto cappa, e il problema, al momento, è che davvero in pochi sapranno come vedere questi magnifici filmati. Va meglio però con il nuovo supporto all’Hdr, l’high dynamic range, la tecnologia che garantisce una nitidezza da brivido. In questo caso di dispositivi ce ne sono parecchi: oltre ai Tv compatibili Vimeo cita le ultime proposte di Apple come l’Apple TV 4K, l’iPhone X o l’iPad Pro del 2017. Insomma, da oggi ti consigliamo di fare un giretto periodico sulla piattaforma Vimeo, chissà che non troverai qualche contenuto superdefinito che faccia al caso tuo.